Nessuna immagine disponibile
Solidarietà e cultura di pace. Il ruolo degli obiettori di coscienza
 Autore: Autori Vari  Editore: Fondazione Emanuela Zancan  Anno: 1993  ISBN: 88-85660-04-5  Pagine: 169 Leggi l'indice
Descrizione:

AA.VV. Solidarietà e cultura di pace. Il ruolo degli obiettori di coscienza. A cura di Mauro Stabellini. Fondazione Emanuela Zancan, Padova 1993

Qualcuno può chiedersi perché la Fondazione Zancan che è «un centro di studio, di formazione e di ricerca sui servizi sociali e sani­ tari» si occupa di cultura di pace e di obiettori di coscienza?
Per due motivi fondamentali. Uno di carattere etico-politico: i servizi sociali e sanitari sono espressione e attuazione dello Stato sociale basato sulla affermazione dei diritti inviolabili dell’uomo…» e sugli inderogabili doveri di solidarietà sociale, politica ed econo­mica (art. 2 della Costituzione); anche l’obiezione di coscienza al servizio militare e il servizio civile hanno alla base l’affermazione dei diritti umani e la solidarietà sociale.
Un motivo di carattere operativo e organizzativo: il servizio civile, alternativo a quello militare, si svolge in parte predominante nell’ambito dei servizi alla persona (assistenza, sanità, formazione) e gli obiettori di coscienza molto spesso operano fianco a fianco con gli operatori sociali e sanitari, siano essi professionali o volon­tari.
Per questi motivi la Fondazione Zancan ha colto di buon grado l’invito rivoltole di curare la elaborazione di materiali didattici per la formazione degli obiettori di coscienza.
Questo è un primo contributo cui speriamo di farne seguire altri sui temi che più frequentemente si trovano ad affrontare gli obiettori di coscienza nelle loro iniziative di formazione.

[dalla Presentazione di Giovanni Nervo]