Nessuna immagine disponibile
Il servizio militare in Italia
 Autore: Lega per l'abrogazione del servizio militare e per la riforma costituzionale dell'esercito  Editore: Edizioni associate  Anno: 1989  Pagine: 183 Leggi l'indice
Descrizione:

Lega per l’abrogazione del servizio militare e per la riforma costituzionale dell’esercito. Il servizio militare in Italia. Edizioni associate, Roma 1989

Da alcuni anni ormai, si è acceso un dibattito molto serrato sul problema del servizio di leva in cui si sono succeduti interventi di varia estrazione.
Alcuni (spesso alti ufficiali) si sono occupati di problemi di stretto interesse militare, altri (il più delle volte intellettuali di parte pacifista) hanno affrontato il problema da un punto di vista prevalentemente etico, sottolineando le ragioni dell’obiezione di coscienza, altri ancora (gior­nalisti e qualche uomo politico) hanno affrontato il problema dal punto di vista dell’indagine sulle condizioni di vita nelle caserme, ecc.
Nessuno, sinora, ha posto il problema da un altro punto di vista: gli effetti sociali e politici della leva sia sull’esercito nel suo complesso, sia sulla società più in generale.
Le stesse inchieste giornalistiche (peraltro ne sono comparse di ec­cellenti) non sono andate molto oltre la descrizione delle condizioni di vita dei militari di leva, senza porsi il problema del rapporto fra esse e il modello organizzativo dell’esercito italiano.
D’altro canto, per diversi aspetti, non si è andati molto oltre una serie di consolidati luoghi comuni (le tendenze pretoriane degli eserciti profes­sionali, il loro carattere maggiormente aggressivo, l’impraticabilità economica dell’abolizione della leva, la minore affidabilità difensiva di un esercito volontario, ecc.) senza che nessuno si prendesse la briga di verificare, dati alla mano, la fondatezza di essi.
Questa inchiesta nasce appunto dall’esigenza di colmare questo vuoto: porre il problema della funzione sociale e politica della coscri­zione obbligatoria e verificare molti dei presupposti sui quali il dibattito si è sinora mosso.
Ci sembra utile innanzitutto circoscrivere con cura il problema di cui ci occupiamo: la coscrizione obbligatoria in tempo di pace.

[dalla Premessa]